Volkswagen annuncia il nuovo record di vendite nel 2017

Autore:
Massimiliano Grimaldi
  • Direttore responsabile

Il 2017 è stato sicuramente un anno assai ricco per Volkswagen. Il gruppo automobilistico di Wolfsburg si è confermato leader indiscusso del mercato davanti a gruppi quali Toyota e Renault. Sono state in totale oltre 6,2 milioni le unità consegnate a livello mondiale dalla casa automobilistica tedesca. Si tratta del nuovo record di vendite per il famoso gruppo teutonico. Ciò dimostra come ormai l’incubo dieselgate sia superato e la fiducia dei consumatori recuperata.

Volkswagen: il 2017 è stato un anno record, lo ha confermato il numero uno Herbert Diess al Salone di Detroit

Nella crescita di Volkswagen, la Cina è stato il principale motore di sviluppo. Più di 3 milioni di veicoli sono stati consegnati lì per la prima volta l’anno scorso, con un incremento del 5,9 percento rispetto al 2016. Jürgen Stackmann, membro del consiglio di marca Volkswagen per le vendite, ha dichiarato: “Siamo soddisfatti della forte domanda per i nostri veicoli e  dello slancio positivo del marchio negli ultimi mesi.

Negli Stati Uniti il dieselgate sembra ormai un ricordo lontano

“Sulla base delle previsioni economiche e dei nostri piani per i nuovi modelli, non c’è motivo di aspettarsi che il 2018 debba peggiorare rispetto al 2017”, ha continuato Stackman. Insomma per il 2018 Volkswagen spera di migliorare ulteriormente i propri dati di vendita. Da segnalare infine che le vendite negli Stati Uniti per il gruppo tedesco sono aumentate del 5,2 per cento grazie a 339.700 unità. Segno questo che la fiducia dei consumatori americani è stata riconquistata.

Leggi anche: Volkswagen e Hyundai collaborano con Aurora Innovation per la guida autonoma

Volkswagen: il 2017 è stato un anno record, lo ha confermato il numero uno Herbert Diess al Salone dell’auto di Detroit, oltre 6,2 milioni di auto consegnate in tutto il mondo dalla casa di Wolfsburg

Leggi anche: Volkswagen: dura condanna per un suo ex dirigente negli Stati Uniti a causa del dieselgate