Portapacchi: dimensioni massime e norme in vigore

Autore:
Erika Vettori

Parliamo di portapacchi. Quali sono le dimensioni massime da tenere in considerazione e quali nel norme in vigore inerenti al Codice della Strada per non essere multati? Le normative ci impongono di tenere in considerazione le massime dimensioni, proprio perché il viaggio deve potersi svolgere in completa sicurezza non solo per noi, ma anche per tutti gli altri veicoli.

Portapacchi
Photo by TobiasRehbein – Pixabay

Gli articoli del Codice della Strada che disciplinano tutto ciò sono il n. 61 e il n. 164. Gli oggetti disposti sul tetto della vettura possono andare a variare il baricentro del veicolo e, quindi, comprometterne la stabilità, soprattutto durante le curve. Ecco la motivazione per cui i carichi devono essere sempre disposti in modo simmetrico, mettendo ciò che è più pesante nella zona centrale del portapacchi e lasciando le cose più leggere nelle zone ai lati.

Portapacchi: come funziona la normativa nel dettaglio

Molto importante è assicurare la stabilità dei portapacchi in caso di viaggi con forte vento. Soprattutto in questi frangenti, è necessario guidare con prudenza e tenere ben stretto il volante, per evitare sbandamenti soprattutto ai sorpassi ed all’uscita delle gallerie. Sulla carta di circolazione è indicato il valore massimo del carico che un veicolo può trasportare. Il peso ammissibile sul tetto, invece, è soltanto consigliato e può variare a seconda del tipo di automobile che abbiamo. Il valore è possibile consultarlo sul manuale d’uso dell’autovettura stessa.

Come fare, quindi, per calcolare il valore del peso in questione? Dobbiamo fare una semplice addizione. Al peso del portapacchi, infatti, dovremo andare ad aggiungere il peso dell’attrezzatura o dei bagagli che vogliamo caricare sul tetto. Diverso è il discorso se siamo in possesso del Travel Box: qui, alla somma di cui abbaiamo parlato precedentemente, dobbiamo aggiungere il valore del box vuoto. Il carico deve, inoltre, essere assicurato per poter evitare caduta e dispersione. Non deve creare intralcio ai movimenti, alla visibilità, non deve coprire la targa del veicolo e nessuno dei fari.

Bagagli, Auto
Photo by fietzfotos – Pixabay

Carichi e dimensioni: qualche numero

Vediamo, adesso, i limiti da considerare, sempre secondo il Codice della Strada. L’oggetto può sporgere verso la parte posteriore del veicolo, purché rimanda entro tre decimi rispetto alla lunghezza del veicolo stesso. In ogni caso, il carico deve rispettare le misure di 2,5 metri di lunghezza e di 4 metri di altezza. La sporgenza laterale non deve, invece, andare oltre i 30 cm dalle luci di posizione sia anteriori che posteriori.

I portapacchi, le barre portatutto o le Travel Box devono, in ogni caso, essere sempre omologate per poter essere montate su quello specifico modello di vettura. Per ciò che concerne le sanzioni, ricordiamo che sono previste il ritiro della carta di circolazione e della patente di guida. Le multe, invece, vanno da un minimo di 74 euro ad un massimo di 296 euro, con tanto di decurtazione di tre punti di patente. I carichi, in ogni caso, devono essere sempre opportunamente segnalati con pannelli quadrangolari a strisce oblique bianche e rosse, con materiale riflettente al fine di poter essere ben visibili anche di notte o quando fa buio.