Suzuki smetterà di vendere tutti i veicoli diesel in Europa entro la fine dell’anno. Nel frattempo, Mitsubishi taglierà tutte le sue vendite di auto diesel in Gran Bretagna e Germania. A partire dalla fine di marzo, i veicoli diesel Suzuki venduti nel vecchio continente hanno rappresentato meno del 10 percento del totale di 281.000 unità vendute in Europa. Anche Mitsubishi ha smesso di vendere i SUV e le autovetture con motori diesel nel Regno Unito e in Germania. Seguiranno presto altri mercati come la Francia.

Mitsubishi e Suzuki hanno deciso di dire stop alla vendita di auto diesel in Europa a causa delle normative anti inquinamento

A differenza di Suzuki, Mitsubishi continuerà a vendere il diesel per pick up e camion. Il 30 percento delle vendite della casa giapponese in Europa è rappresentato da veicoli diesel durante quest’anno fino a marzo. Questa decisione è stata presa per raggiungere l’obiettivo dei paesi europei che vogliono smettere di usare auto diesel entro il 2040. La decisione presa da Mitsubishi e Suzuki rende Mazda l’unica casa automobilistica giapponese che ancora oggi vende auto diesel in Europa. 

Dopo lo scandalo Volkswagen del 2015, i veicoli diesel non sono più i preferiti in tutto il mondo. Nel 2011, oltre il 50 per cento dei nuovi veicoli venduti in Europa era diesel. Questa percentuale è scesa al 44,4 per cento l’anno scorso. La società di ricerca britannica, IHS Markit, stima che questa cifra continuerà a diminuire fino al 35,2% entro il 2022.

Leggi anche: Alfa Romeo: Seat, Hyundai e Mitsubishi provano a diventare come il Biscione

 Mitsubishi e Suzuki
Mitsubishi e Suzuki hanno deciso di dire stop alla vendita di auto diesel in Europa a causa delle normative anti inquinamento sempre più restrittive

Leggi anche: Nuova Suzuki Vitara: le prime foto ufficiali del celebre veicolo sono state svelate

Lascia una recensione

avatar
  Avvisami via email  
Notificami