Lotus è immersa in un ambizioso piano di espansione globale che passa inevitabilmente attraverso la Cina. Geely, il nuovo proprietario di Lotus, ha deciso che questa roadmap dovrebbe essere accorciata e per questo lo staff tecnico dell’azienda sarà ampliato con l’aggiunta di circa 200 nuovi dipendenti. Solo poche settimane fa Geely ha avviato il processo di costruzione della nuova fabbrica Lotus in Cina.

Uno stabilimento che si trova specificamente a Wuhan, la capitale della provincia di Hubei. Sebbene la maggior parte del lavoro svolto in questa fabbrica ruoterà attorno a Lotus, si tratterà di un centro di produzione multimarca, dal momento che verranno prodotti anche veicoli di fascia alta di altre società Geely.

Attualmente tutte le auto Lotus sono costruite a Norfolk (Regno Unito). Una buona parte della produzione sarà conservata lì, anche se la maggior parte del lavoro sarà affidata a mani cinesi. Per realizzare la costruzione della nuova fabbrica in Cina è stato necessario realizzare un investimento di 1,3 miliardi di dollari. L’impianto avrà una capacità produttiva annuale di 150.000 veicoli.

Dopo aver avviato la costruzione di questo nuovo stabilimento, Lotus svolgerà un altro processo chiave per i suoi piani futuri a breve termine. Il produttore di auto sportive di lusso ha deciso di aggiungere un gran numero di dipendenti per poter così affrontare le nuove sfide all’orizzonte. L’arrivo di nuovi modelli e l’aumento del volume di produzione.

Leggi anche: Lotus annuncia il lancio di Type 130, prima hypercar elettrica inglese

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here