La moglie dell’ex presidente Nissan, Carlos Ghosn, sarà interrogata dai pubblici ministeri in un tribunale di Tokyo l’11 aprile, dopo che il marito è stato preso in custodia per accuse di cattiva condotta finanziaria. Una persona che ha familiarità con la situazione ha dichiarato all’Associated Press che Carole Ghosn non è un sospetto e verrà interrogata volontariamente alla presenza del team legale di Ghosn.

La moglie di Carlos Ghosn è stata interrogata a Tokyo dai procuratori che stanno indagando sul marito che è attualmente in carcere

Carlos Ghosn è stato arrestato a novembre e accusato di falsificazione di documenti finanziari e violazione della fiducia mentre guidava la casa automobilistica giapponese. Le accuse affermano che il dirigente ha sottostimato i suoi redditi da pensione e che Nissan sotto la sua gestione ha effettuato pagamenti dubbi e perdite di investimento. L’ex numero uno della casa nipponica dice di essere innocente. Il dirigente era stato rilasciato su cauzione il mese scorso ma poi è stato nuovamente arrestato la settimana scorsa.

I pubblici ministeri affermano che le accuse che sono state alla base del suo recente arresto sono distinte dalle altre, pur non fornendo dettagli. La detenzione è stata approvata fino a domenica ma può essere estesa. All’inizio di quest’anno, Carole Ghosn ha scritto a Human Rights Watch, criticando il sistema di giustizia criminale del Giappone come ingiusto e duro.

Leggi anche: Gli azionisti di Nissan licenziano Carlos Ghosn dal consiglio di amministrazione

La moglie di Carlos Ghosn è stata interrogata a Tokyo dai procuratori che stanno indagando sul marito che è attualmente in carcere

Leggi anche: Renault punta alla fusione con Nissan e all’acquisizione di Fiat Chrysler

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here