L’investimento necessario per sviluppare veicoli connessi e autonomi porterà probabilmente a molte fusioni tra le case automobilistiche a livello mondiale, secondo il  boss di Aston Martin, Andy Palmer. Tuttavia, egli crede anche che le sei case automobilistiche di lusso riconosciute a livello mondiale oggi, tra cui Aston e Lagonda, prospereranno nonostante le sfide. Parlando alla conferenza Connected Society of Motor Manufacturers and Traders, Palmer ha detto che crede che molti marchi esistenti dovranno formare alleanze, fondersi o vendere ai rivali per sopravvivere.

“Stiamo sviluppando tecnologie simili che costano miliardi e non ha senso”, ha affermato Palmer. “Penso che sia inevitabile che le case automobilistiche si uniscano attraverso fusioni e acquisizioni. I requisiti economici saranno eccessivi per molte delle aziende coinvolte. Il modello di business attuale non va più bene ormai “. “Sì, le mega-aziende illuminate come la Toyota possono sviluppare la tecnologia da sole e sopravvivere, ma sento che molte altre aziende cadranno sotto l’ala di queste aziende e questo porterà al dominio due o tre mega-compagnie, un po’ come succede con Boeing e Airbus nel settore del trasporto aereo “, ha detto Palmer.

Leggi anche: Aston Martin Valhalla potrebbe essere il nome della futura hypercar

Aston Martin: il Ceo Palmer pensa che la guida autonoma costringerà le case automobilistiche ad unirsi per risparmiare sui costi

Leggi anche: Aston Martin e Pirelli mostrano le capacità della nuova DBX nel nord Europa

Lascia una recensione

avatar
  Avvisami via email  
Notificami