Il CEO della BMW Harald Krüger ha informato l’Organismo di Vigilanza che non sarà disponibile per un secondo mandato. Recentemente il rinnovo effettivo del contratto è diventato sempre più discutibile, probabilmente anche a causa dell’esitazione di Krüger in merito alla mobilità elettrica.

Secondo la BMW, Krüger ha informato il presidente del Supervisory Board, Norbert Reithofer, che non intende estendere il suo contratto, che durerà fino alla fine di aprile 2020. Reithofer ha ricevuto queste informazioni con rispetto e comprensione, ha dichiarato il produttore. Nella sua prossima riunione, il 18 luglio 2019, il Supervisory Board si occuperà del suo successore. Fino a quando non verrà presa una decisione, Krüger continuerà a ricoprire la carica di Presidente del Consiglio di Gestione.

Krüger ha giustificato la sua decisione con il fatto che dopo più di 27 anni con BMW, ora vuole riorientarsi professionalmente. Probabilmente anche le ultime settimane hanno avuto un ruolo importante in questo: la consueta estensione del suo contratto era diventata sempre più improbabile.

Alcune fonti dei media tedeschi hanno ulteriormente ipotizzato che il ritiro di Krüger preceda semplicemente il suo stesso licenziamento. Tra le altre cose, è accusato di essere troppo riluttante a convertirsi all’e-mobility. Sotto la sua guida, la BMW ha perso la sua posizione di primo marchio tedesco contro Mercedes: dal 2016 la società con sede a Stoccarda ha venduto più automobili del suo marchio principale BMW. Di conseguenza, Krüger potrebbe aver perso il supporto nel consiglio di sorveglianza. Nel 2015, con il supporto della famiglia proprietaria di Quandt, è stato nominato successore di Norbert Reithofer, che ora è membro del Supervisory Board.

Questa decisione fu un punto di svolta per l’espansione dell’elettromobilità in BMW: Herbert Diess, allora membro del Board of Management responsabile per lo sviluppo, aveva un’elettromobilità decisamente avanzata in BMW e rafforzò la divisione BMW i in-house. Dopo la sua sconfitta nel duello per il successore di Reithofer in cima alla classifica, Diess è partito per Wolfsburg, la prossima offensiva elettrica porta la sua firma. La BMW, d’altra parte, ha fatto pochi progressi: il riluttante Kruger, preferito dai Quandts agli esigenti Diess proprio per questa sua caratteristica, ha investito molto meno in questo futuro campo con un ritorno incerto. Di conseguenza, le menti principali di BMW I hanno lasciato Monaco di Baviera tra cui nomi come Carsten Breitfeld, Benoit Jacob e Dirk Abendroth.

Il ruolo del pioniere dell’elettrificazione tra i produttori di automobili tedeschi è scomparso. La spinta di Krüger alla fine di giugno per accelerare di due anni la roadmap di elettrificazione della casa automobilistica sembra essere arrivata troppo tardi. Oliver Zipse, Chief Production Officer, e Klaus Fröhlich, responsabile dello sviluppo, sono considerati possibili candidati per la successione di Krüger. Probabilmente questa è un’altra decisione da tenere in considerazione: Zipse è socievole e più riservato, ma fino ad ora è rimasto freddo verso l’esterno. Fröhlich è stato descritto come più estroverso, ma è stato profilato principalmente nel mondo dei motori a combustione.

Più recentemente, Fröhlich ha fatto scalpore quando ha descritto il passaggio all’elettrificazione come “sopravvalutato”. Non c’era “nessuna richiesta di BEV da parte dei clienti”, solo da parte delle autorità di regolamentazione. Nel frattempo, Fröhlich ha remato e ha detto in un’intervista che le dichiarazioni sono state accorciate dalla parte più importante, vale a dire: “Una cosa è chiara: la mobilità elettrica arriverà.

Ma Fröhlich ha già 59 anni, secondo un regolamento interno BMW, i membri del consiglio di amministrazione si ritirano automaticamente all’età di 60 anni. Un ostacolo alto ma non insormontabile. Se il Supervisory Board dovesse deviare da questo regolamento, che ha costretto anche il successo di Norbert Reithofer a trasferirsi nel Supervisory Board, questo sarebbe comunque un segnale di una crisi più seria. È stato anche menzionato il nome del Chief Financial Officer Nicolas Peters. Come riporta il “Frankfurter Allgemeine Zeitung” con riferimento ai gruppi aziendali, il 55enne Zipse diventerà il nuovo CEO. La società non ha commentato le informazioni alla “FAZ”.

Lascia una recensione

avatar
  Avvisami via email  
Notificami