Guida Autonoma: in Italia si apre una nuova era

Massimiliano Grimaldi
  • Direttore responsabile
05/03/2018

Anche in Italia sembra arrivato il momento di dare il via alla sperimentazione sulla guida autonoma. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nei giorni scorsi ha annunciato di aver approvato il decreto denominato “Smart Road”, che autorizzerà l’inizio dei test in strada delle auto autonome. Inoltre questo decreto mira a individuare i soggetti da autorizzare per lo svolgimento di questi test. Il tutto verrà valutato attentamente caso per caso. Questo allo scopo di salvaguardare la sicurezza stradale.

Guida autonoma: un decreto del Ministero dei Trasporti da il via alla sperimentazione della nuova tecnologia

Il provvedimento sulla guida autonoma inoltre mira a fornire alla nostra rete stradale e autostradale tutte le infrastrutture necessarie all’arrivo della nuova tecnologia. Questo significa che entro il 2025 le principali strade del nostro paese saranno dotati ad esempio di connessione di routing verso la rete di comunicazione dati, un sistema di hot spot Wifi per la connettività dei device dei cittadini, un sistema per rilevare il traffico e le condizioni meteo e fornire previsioni a medio e breve termine.

Entro il 2040 saranno almeno 33 milioni le auto a guida autonoma presenti in strada

Tutti questi servizi saranno garantiti entro il 2025. Successivamente ed entro il 2030 ulteriori servizi e strutture verranno aggiunte nelle strade in maniera da garantire tutto il supporto necessario alla nuova tecnologia. Ricordiamo che si presume che entro il 2040 saranno oltre 33 milioni le auto a guida autonoma presenti nelle strade di tutto il mondo. Stati Uniti, Cina ed Europa dovrebbero essere i primi ad adottare le nuove vetture.

Leggi anche: Guida autonoma, in due video Volvo spiega come sarà il futuro delle nostre strade

Guida autonoma
Guida autonoma: un decreto del Ministero dei Trasporti da il via alla sperimentazione della nuova tecnologia sulle strade italiane

Leggi anche: Huawei presenta RoadReader, le auto autonome con l’IA degli smartphone