Formula 1, Liberty Media non sta aiutando gli incassi, anzi il contrario

Autore:
Ermelinda Gallo
  • Social Media Manager

E’ entrata a gamba tesa suscitando anche l’indignazione di molti addetti ai lavori, su tutti Marchionne, ma l’intervento di Liberty Media era sostanzialmente tollerato, poiché l’obiettivo era condiviso da tutti, aumentare gli incassi e favorire l’intero universo della Formula 1. Risultato finale? I ricavi sono in calo ed ora l’azienda statunitense sembra stia davvero antipatica a tutti.

Formula 1, ricavi in calo grazie a Liberty Media

Acquisizione registrata nel gennaio 2017 per il gruppo USA, l’anno appena concluso è quello che ha registrato il maggior calo di introiti da parte della Formula 1 negli ultimi 10 anni, infatti con l’arrivo di Liberty Media nel 2017 i ricavi sono calati dell’1%. Tra non molto saranno pubblicati i dati ufficiali, ma la matematica non è un’opinione, dalle informazioni in nostro possesso possiamo già calcolare a quanto ammonta il calo in questione. Nel 2016 infatti, l’ultimo con la gestione Cvc, l’incasso annuale era di 1,4 miliardi. Eliminandone l’1% abbiamo quindi un calo di 14,6 milioni di euro.

Leggi anche: Alfa Romeo non sarà il team B di Ferrari in Formula 1

Si tratta di numeri impietosi per Liberty Media che fanno il palio con le critiche su alcune sue scelte non condivise da tutto l’ambiente. C’è da dire che al momento tali incassi al ribasso sono giustificati in parte anche dalla soppressione del Gran Premio di Germania, legata alle sponsorizzazioni con Allianz e Ubs. Ad ogni modo, le promesse di portare la Formula 1 a nuove vette (soprattutto economiche) non sono state rispettate in questo primo anno di Liberty Media.

Un ulteriore passo falso sui ricavi potrebbe a questo punto compromettere i premi per i team, questa secondo gli esperti potrebbe essere la goccia definitiva che farebbe traboccare il vaso in quel di Maranello, con Marchionne che già in passato a minacciato di andarsene ritirando la Ferrari dal campionato, poiché in disaccordo con la gestione dei nuovi capi statunitensi.

Ricavi in calo, la Formula 1 di Liberty Media non decolla

Leggi anche: Formula 1, nuovi controlli sul motore, FIA introduce sensore per misurare la temperatura