Formula 1, dalla Germania pesanti accuse su Toro Rosso

Autore:
Ermelinda Gallo
  • Social Media Manager

Manca ancora qualche giorno alla nuova tappa di Formula 1 2018, gara di Baku in programma domenica 29 aprile, ma già è stato inserito abbastanza condimento a base di pepe per questo nuovo emozionante GP. Dal quotidiano tedesco Berlin Kurier pesanti accuse alla Toro Rosso.

Formula 1, Toro Rosso nell’occhio del ciclone

Toro Rosso e Red Bull, un connubio che spesso ha insospettito e che ora sembra aver deciso la tappa dell’Arzebajan, l’ultima andata in scena in Formula 1. Secondo il giornale tedesco si è trattato di una vera e propria tattica, con Vettel in prima posizione al 30esimo giro, Brendon Hartley è veniva tamponato dal compagno di scuderia Pierre Gasly e innescava un tamponamento che costringeva i commissari a mandare in pista la safety car.

Potrebbe interessarti anche: Liberty Media presenta i 5 punti che rivoluzioneranno la Formula 1

A quel punto, Ricciardo della Red Bull ne ha approfittato e, sfruttando il caos generato dalla scuderia satellite, ha scalato le posizioni e vinto il GP. I tedeschi quindi vedono del marcio nella manovra di Red Bull che avrebbe quindi sacrificato i piloti del team satellite per portare il proprio campione alla vittoria. Al momento comunque è giusto ricordare che nessuna inchiesta è stata aperta in merito e che quindi le supposizioni del Berlin Kurier sono frutto di ipotesi del tutto personali.

L’altra news che sta scaldando il cuore degli appassionati riguarda invece Alonso. Il pilota della McLaren starebbe seriamente pensando di abbandonare a fine 2018, poiché i risultati raggiunti fin qui non sarebbero in linea con i suoi obiettivi. E dire che proprio quest’anno il team britannico sta ottenendo punteggi che negli ultimi anni nemmeno sognava, vedi non ultimo proprio il settimo posto raggiunto da Alonso nell’ultimo GP con sorpasso finale proprio sul ferrarista Vettel.

Polemiche in Formula 1, la vittoria di Ricciardo favorita da Toro Rosso

Potrebbe interessarti anche: Formula 1, aggressività Red Bull premiata, ma Ferrari ha sbagliato strategia