Un giudice federale a San Francisco venerdì ha approvato un accordo civile di $ 307,5 ​​milioni per circa 100.000 proprietari di veicoli diesel Fiat Chrysler negli Stati Uniti che il governo ha stabilito avere un software illegale che ha permesso loro di emettere emissioni in eccesso.

In base all’accordo approvato dal giudice Edward Chen, circa 100.000 proprietari e locatari di Ram 1500 e Jeep Grand Cherokee con motore diesel da 3,0 litri degli anni modello 2014-2016 riceveranno i pagamenti per il completamento di un reflash software. La maggior parte dei proprietari riceverà 3.075 di risarcimento.

Gli attuali proprietari e titolari di leasing hanno tempo fino al febbraio 2021 per presentare un reclamo e fino al maggio 2021 per completare la riparazione e ricevere un risarcimento, mentre gli ex proprietari hanno tempo fino ad agosto per presentare un reclamo.

Il 10 gennaio il gruppo Fiat Chrysler Automobiles ha annunciato di essersi accordata con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, lo stato della California e i proprietari di diesel per le accuse civili secondo cui utilizzava software illegali che producevano risultati falsi sui test delle emissioni diesel. Un’indagine penale è attualmente in corso.

Fiat Chrysler si impegna inoltre a fornire aggiornamenti gratuiti al software di controllo del motore e una garanzia estesa sui powertrain per i pick up Ram 1500 2014-2016 e i SUV Jeep Grand Cherokee

Leggi anche: FCA utilizzerà Harman e Google Tech per il suo ecosistema di veicoli connessi in tutto il mondo

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler risarcirà i suoi clienti in USA possessori di RAm 1500 e Jeep Grand Cherokee diesel con circa 3 mila dollari a testa per il dieselgate

Leggi anche: FCA e PSA: secondo il Wall Street Journal il gruppo italo americano avrebbe rifiutato le avances dei francesi

Lascia una recensione

avatar
  Avvisami via email  
Notificami