Fiat Chrysler richiama 1.8 milioni di pick Up Ram

Autore:
Massimiliano Grimaldi
  • Direttore responsabile

A causa di un problema al cambio che potrebbe far si che i veicoli si muovano anche nel caso in cui siano in posizione di parcheggio, il gruppo italo americano Fiat Chrysler Automobiles ha richiamato negli Stati Uniti circa 1.8 milioni di pick up di Ram, famoso brand che fa parte dell’azienda controllata dal numero uno Sergio Marchionne. A quanto pare, secondo quanto ammesso dagli stessi responsabili di FCA, il problema potrebbe essere stato alla base di almeno 7 incidenti avvenuti in Nord America. 

Fiat Chrysler ha richiamato in Nord America oltre 1.8 milioni di Pick Up Ram a causa di un problema al cambio

Il cattivo funzionamento del cambio che potrebbe consentire ai pick up di Ram di muoversi anche da fermo senza che il guidatore abbia tolto il piede dal freno o abbia inserito la chiave sarebbe dunque alla base di questo richiamo. I tecnici di Fiat Chrysler sarebbero già a lavoro per risolvere il problema e riparare i veicoli coinvolti. I veicoli coinvolti sono i Pick Up Ram 3500, 4500, 5500 e 1500. 

Nei prossimi giorni FCA dirà ai clienti quando portare in officina il proprio pick up

I proprietari dei pick Up nei prossimi giorni saranno avvisati su quando portare a riparare la propria vettura nella più vicina officina autorizzata. Ovviamente come sempre accade in questi casi la riparazione avverrà a titolo gratuito nel minor tempo possibile. Questo in modo da arrecare meno problemi ai clienti. Vi avviseremo in caso di novità importanti su questa notizia che arriva dagli Stati Uniti.

Leggi anche: Fiat Chrysler Automobiles cerca un accordo negli Stati Uniti con i proprietari dei veicoli diesel coinvolti nello scandalo del cosiddetto dieselgate

Fiat Chrysler
FCA ha richiamato in Nord America oltre 1.8 milioni di Pick Up Ram a causa di un problema al cambio che potrebbe creare grossi problemi ai proprietari dei veicoli interessati

Leggi anche: Fiat Chrysler Automobiles: nello stabilimento di Termoli confermati per altri 3 mesi 500 lavoratori interinali il cui contratto scadeva a fine anno