Fiat Chrysler perde terreno in Italia a marzo 2018 a causa di Fiat

Fiat Chrysler Automobiles non ha vissuto certamente uno dei suoi mesi di marzo migliori nel 2018. Il gruppo italo americano guidato dal numero uno Sergio Marchionne ha visto infatti in Italia scendere del 13 per cento le sue immatricolazioni che in totale il mese scorso sono state circa 60 mila. La causa di questo calo è da attribuire prevalentemente alla crisi che ha colpito Fiat. Il brand di Torino con circa 40 mila immatricolazioni ha accusato a marzo un calo del 20 per cento rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Se si guarda al primo trimestre del 2018 le cose non migliorano di molto per FCA.

Fiat Chrysler perde terreno in Italia: a marzo 2018 il gruppo di Sergio Marchionne perde il 13 per cento

Fiat Chrysler Automobiles infatti nei primi tre mesi dell’anno ha visto calare le proprie immatricolazioni in Italia dell’8,2 per cento con 159 mila unità vendute. Anche in questo caso il calo di Fiat è stato protagonista. Il brand di Torino nel primo trimestre dell’anno a fronte di 107 mila unità immatricolate ha subito un calo del 15 per cento. Anche Lancia a marzo 2018 ha perso il 36 per cento con appena 5 mila Lancia Ypsilon immatricolate. Un calo di vendite ha riguardato anche Maserati che con 814 unità vendute nei primi 3 mesi dell’anno fa registrare una flessione del 13 per cento.

Male Fiat e Lancia, bene Alfa Romeo e Jeep

In questo calo generale si salvano solo Jeep e Alfa Romeo. La casa americana cresce del 76 per cento a marzo 2018 con 8.609 unità. Il Biscione ottiene 5.372 unità vendute e cresce del 17 per cento rispetto a marzo 2017. Guardando alle singole vetture fa impressione il calo del 28 per cento di Fiat Panda e anche quello del 13 per cento di Fiat 500L. in Fiat cresce solo il crossover 500X che aumenta del 25 per cento le sue vendite.

Leggi anche: Maserati e Alfa Romeo: nei prossimi anni collaboreranno per dare vita al nuovo polo del lusso di FCA


Fiat Chrysler
Fiat Chrysler perde terreno in Italia: a marzo 2018 il gruppo di Sergio Marchionne perde il 13 per cento, male Fiat e Lancia, bene Alfa Romeo e Jeep

Leggi anche: FCA: tra due mesi novità importanti per Alfa Romeo, Fiat e Jeep