Nei prossimi mesi Fiat Chrysler Automobiles potrebbe fare un nuovo importante annuncio dopo l’accordo con Tesla in Europa. Anche in Cina infatti il gruppo italo americano ha gli stessi problemi del nostro continente. Per evitare di dover pagare multe salate a causa del mancato rispetto dei limiti di emissioni di CO2 della sua flotta sarà costretta ad unire la propria gamma a quella di qualche altra casa automobilistica che vende auto elettriche in maniera da compensare le proprie emissioni.

Fiat Chrysler potrebbe ottenere un accordo simile a quello con Tesla in Europa anche in Cina

Se in Europa si è trovato un alleato perfetto in Tesla che riceverà diverse centinaia di milioni da Fiat Chrysler che però eviterà di dover pagare multe di miliardi, in Cina l’alleato di FCA, GAC, avrà il compito di trovare un accordo con qualche altra società. La notizia è stata data dallo stesso amministratore delegato di FCA, Mike Manley, nell’assemblea con gli azionisti che si è tenuta nei giorni scorsi. Il Presidente di Fiat Chrysler, John Elkann, ha però voluto precisare che ciò viene fatto non in quanto la sua società non ha la tecnologia giusta per rispettare le leggi ma semplicemente perché produrre simili modelli per il momento non sarebbe una mossa redditizia per il gruppo italo americano.

Leggi anche: FCA e PSA potrebbero presto annunciare la condivisione di una Super Piattaforma

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler potrebbe ottenere un accordo simile a quello con Tesla in Europa anche in Cina, il socio GAC è a lavoro per trovare gli alleati ideali

Leggi anche: FCA Cassino: stop di 3 settimane alla produzione nello stabilimento ciociaro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here