Giorni dopo aver abbandonato i colloqui di fusione con la Renault, Fiat Chrysler sta spostando la sua attenzione su una nuova partnership. Il gruppo italo americano collaborerà con la startup tecnologica della Silicon Valley, Aurora, per ottenere veicoli commerciali robotizzati sulla strada il prima possibile. Le società hanno dichiarato di aver firmato un memorandum d’intesa in cui Aurora fornirà la propria piattaforma di guida autonoma a FCA, compresi computer, sensori, software e servizi di dati per consentire ai veicoli di guidare in sicurezza. La partnership si concentrerà sulla linea di veicoli commerciali di FCA, inclusi i modelli Ram e Fiat Professional e sfrutterà la sua esperienza nella progettazione e nella costruzione di questi, nonché nella sua vasta base di fornitori e clienti.

Fiat Chrysler collaborerà con la startup Aurora per ottenere veicoli commerciali robotizzati sulla strada il prima possibile

Le compagnie non stanno fornendo dettagli finanziari dell’accordo, né confermano se la casa automobilistica italo-americana stia investendo a Mountain View in California dove si trova la sede di Aurora. Inoltre le due aziende, non stanno dicendo quanto presto verranno utilizzati camion e furgoni robotizzati sviluppati dal progetto. “Nell’ambito della strategia di sviluppo dei veicoli autonomi di Fiat Chrysler, continueremo a collaborare con partner strategici per soddisfare le esigenze dei clienti in un settore in rapida evoluzione”, ha dichiarato il CEO di Fiat Chrysler Mike Manley in una nota. “Aurora offre un set di abilità unico combinato con una tecnologia avanzata e mirata che integra e migliora il nostro approccio alla guida autonoma.”

Leggi anche: FCA utilizzerà Harman e Google Tech per il suo ecosistema di veicoli connessi in tutto il mondo

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler: Il gruppo italo americano collaborerà con la startup tecnologica della Silicon Valley, Aurora, per ottenere veicoli commerciali robotizzati sulla strada il prima possibile

Leggi anche: FCA e PSA: secondo il Wall Street Journal il gruppo italo americano avrebbe rifiutato le avances dei francesi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here