Il numero uno di Daimler, l’amministratore delegato Dieter Zetsche, che dal prossimo 22 maggio rassegnerà le sue dimissioni, vede compiti difficili per il suo successore Ola Källenius. Tra le altre cose il futuro CEO dovrà migliorare i margini della filiale Mercedes-Benz, ha detto Zetsche alla Reuters. Ci sono molte sfide davanti al nuovo leader del gruppo. Non sarà facile in futuro. L’ultimo bilancio trimestrale sotto Zetsche non è stato molto positivo. Da gennaio a marzo, l’utile operativo si è ridotto di un ulteriore 16% su base annua a 2,8 miliardi di euro.

L’industria automobilistica più debole in tutto il mondo, ma anche i problemi di produzione interna, hanno fatto crollare le vendite di auto di Mercedes-Benz nel segmento principale. Gli investimenti in aumento hanno pesato anche sui guadagni. “Raggiungere i nostri obiettivi per il 2019 non sarà facile dopo il primo trimestre”, ha ammesso Zetsche.

I tedeschi stanno lottando in tutte le divisioni operativamente con enormi problemi. In particolare, il core business e l’ex gemma Mercedes-Benz Cars si stanno indebolendo notevolmente. Da gennaio a marzo, il margine è sceso da nove a poco più del sei percento anno su anno. Il risultato operativo del settore degli autocarri pesanti è diminuito del dieci percento. Daimler registra anche perdite nelle divisioni Vans e Buses. Solo un effetto speciale ha salvato Daimler da un risultato ancora peggiore. La fusione di car sharing e servizi di mobilità con la sua concorrente BMW ha portato un contributo positivo di 718 milioni di euro. Senza questo effetto, i guadagni nella divisione finanziaria dei servizi finanziari sarebbero anch’essi in calo e il margine complessivo del gruppo sarebbe solo del 5,2%.

Leggi anche: Formula 1, Binotto non crede che tra Mercedes e Ferrari ci sia grande divario

Daimler: Il numero uno Dieter Zetsche vede compiti difficili per il suo successore Ola Källenius che dal 22 maggio prenderà il suo posto alla guida della società tedesca

Leggi anche: Formula 1, risultati Bahrain: ancora doppietta Mercedes, ma Ferrari sfortunata

Lascia una recensione

avatar
  Avvisami via email  
Notificami