L’utile operativo del primo trimestre di Daimler è sceso del 16% venerdì con un guadagno una tantum di 718 milioni di euro non riuscito a compensare i costi di un ritardo di produzione per il suo Suv Gle e maggiori costi delle materie prime. L’utile prima degli interessi e delle imposte (EBIT) è sceso a 2,80 miliardi di euro, sotto i 2,89 miliardi attesi dagli analisti, nonostante un aumento di 718 milioni di euro dalla fusione delle divisioni dei servizi di mobilità di Daimler e BMW.

Non possiamo e non ci accontenteremo di questo, come previsto, inizio moderato dell’anno. Ora dobbiamo lavorare duro per raggiungere i nostri obiettivi per il 2019 “, ha affermato l’amministratore delegato Dieter Zetsche in una dichiarazione che accompagna i suoi ultimi risultati trimestrali come capo. Daimler ha detto che il lancio di una nuova piattaforma di veicoli sportivi nello stabilimento di Tuscaloosa in Alabama, ha causato ritardi nella produzione del suo modello GLE, portando il rendimento delle vendite delle auto Mercedes-Benz al 6,1 percento, in calo rispetto al 9 percento dell’anno precedente.

Le vendite di Mercedes-Benz in Cina, il più grande mercato automobilistico del mondo, sono diminuite del 3% e le vendite in veicoli compatti più piccoli hanno contribuito a erodere i margini, ha detto Daimler. Nonostante ciò il gruppo tedesco prevede una lieve crescita delle vendite unitarie, delle entrate e dell’EBIT a livello di gruppo quest’anno, ma solo dopo l’implementazione delle misure di riduzione dei costi.

Leggi anche: Mercedes: ecco quanto ha venduto la società tedesca nel primo trimestre del 2019

Daimler
Daimler

Leggi anche: BMW i2 e Mercedes EQA saranno il primo frutto dell’accordo tra le due società

Lascia una recensione

avatar
  Avvisami via email  
Notificami