Daimler e Bmw uniscono le forze. Le due case automobilistiche premium della Germania meridionale non solo mettono insieme i loro servizi di mobilità e lavorano insieme su auto a guida autonoma ma, per risparmiare sui costi, lavorano anche su un’architettura per le auto elettriche. Per non dover affrontare da sole le costose sfide della mobilità del futuro, BMW e Daimler intendono unire le forze in numerosi campi.  Lo Chief Development Officer di BMW Klaus Fröhlich spiega a Manager Magazin, che le due aziende stanno lavorando insieme su una piattaforma elettrica. Inoltre per tre anni i consiglieri più importanti delle due compagnie si sarebbero incontrati dopo che il capo della BMW Harald Krüger aveva avviato un’era di alleanze in BMW. 

Il primo frutto della cooperazione dovrebbe essere una city car elettrica. La compatta entrerà in produzione come una BMW i2 e sarà simile per dimensioni alla prima BMW i3 prodotta nel 2013. Al fine di risparmiare sui costi, l’i2, tuttavia, farà a meno del costoso corpo in carbonio. La vettura dovrebbe costare meno di 30.000 euro. La citry car dovrebbe avere un’autonomia di 300 km. Daimler e Bmw mirano a vendere 500.000 auto all’anno di questa auto. Maggiori dettagli su questo veicolo che arriverà prima del 2024 dovrebbero emergere già nei prossimi mesi. 

Leggi anche: Daimler, partner di BMW per sviluppare gli standard di settore per la tecnologia della guida autonoma

Bmw i2 potrebbe essere il nome del futuro modello compatto elettrico a cui starebbero lavorando insieme Daimler e Bmw

Leggi anche: Mercedes e Tesla di nuovo insieme? per il numero uno di Daimler mai dire mai

Lascia una recensione

avatar
  Avvisami via email  
Notificami