Audi ha intenzione di intensificare il suo sviluppo della tecnologia delle celle a combustibile a idrogeno, secondo un annuncio pubblico del presidente Bram Schot. Le ragioni alla base del rinnovato interesse per l’idrogeno, partono  dalle preoccupazioni per l’approvvigionamento di risorse naturali per la produzione di batterie e per i dubbi sul fatto che le auto elettriche siano in grado di soddisfare le aspettative dei clienti sempre più esigenti. Di conseguenza, il produttore di automobili tedesco ristabilirà il suo programma h-tron in una mossa pianificata per renderlo il centro di competenza per la tecnologia delle celle a combustibile a idrogeno all’interno del Gruppo Volkswagen.

La casa automobilistica di Ingolstadt punta di nuovo allo sviluppo delle auto a idrogeno, nel 2021 potrebbe arrivare sul mercato il primo modello

“Vogliamo davvero accelerarlo”, ha detto Schot. “Daremo maggiore priorità alle celle a combustibile a idrogeno: più soldi, più capacità di persone e più sicurezza”. Schot ha confermato che un nuovo prototipo di cella a combustibile a idrogeno di sesta generazione verrà rivelato entro la fine di quest’anno. Ha aggiunto che un modello Audi FCEV (fuel cell electric vehicle) di produzione pilota a volume limitato potrebbe essere offerto ai clienti come parte di un programma di noleggi entro il 2021. Si prevede che sarà prodotto su una linea dedicata presso lo stabilimento Audi di Neckarsulm in Germania, un sito che attualmente produce A6, A7 e A8.

Leggi anche: La nuova Audi TT potrebbe diventare un’auto sportiva puramente elettrica

Audi punta di nuovo allo sviluppo delle auto a idrogeno, nel 2021 potrebbe arrivare sul mercato il primo modello

Leggi anche: Lo sviluppo della nuova Audi A5 Cabrio è già in corso, arriverà nel 2020

Lascia una recensione

avatar
  Avvisami via email  
Notificami