La nuova Aston Martin Rapide E, completamente elettrica, ha fatto il suo debutto al Motor Show di Shanghai. È la prima auto elettrica del marchio britannico di lusso, che ha preceduto il DBX SUV che arriverà nel 2020. Basata sulla Rapide alimentata a benzina, la berlina presenta un paio di motori elettrici che inviano 602bhp alle ruote posteriori: questo si traduce in un tempo di 0-100 km / h in meno di quattro secondi e una velocità massima limitata a 250 km orari.

Aston Martin Rapide E contiene una batteria da 65kWh, che dovrebbe restituire più di 350 km di autonomia in base ai test di efficienza WLTP più recenti. È compatibile con una velocità di ricarica rapida di oltre 100kW, che Aston Martin afferma ricaricherà la batteria dallo 0-80% in poco più di mezz’ora. Il Rapide E ha anche un caricatore CA integrato per la ricarica di destinazione, con un pieno ricarico promesso in meno di tre ore.

All’esterno, Aston Martin ha introdotto una nuova griglia a nido d’ape, splitter anteriore, un diffusore posteriore e cerchi in lega per offrire un aumento dell’8% nell’efficienza aerodinamica, aumentando così l’autonomia. All’interno, un quadro strumenti digitale da 10 pollici mostra le informazioni chiave al conducente, tra cui carica residua della batteria, consumo energetico in tempo reale e prestazioni di frenata rigenerativa.

La consolle centrale è dotata di comandi per il controllo del clima e del display per infotainment, in un layout simile a quello utilizzato su altri modelli di Aston Martin. Le modalità di guida includono le impostazioni GT, Sport e Sport +, ciascuna delle quali influisce sulle prestazioni della trasmissione e delle sospensioni. Aston Martin Rapide E viene fornito anche con un’app per smartphone dedicata, che mostra cose come la gamma corrente e il tempo di ricarica rimanente. Le istruzioni del navigatore satellitare possono anche essere inviate alla macchina da remoto, con l’app che mostra la sua posizione in parcheggi affollati.

Leggi anche: Il Ceo di Aston Martin pensa che la guida- utonoma costringerà le aziende di auto ad unirsi

Lascia una recensione

avatar
  Avvisami via email  
Notificami