Alfa Romeo Giulia: è “Best car 2018” per i lettori di “Auto Motor und Sport”

Autore:
Davide Bernasconi
  • Giornalista

Alfa Romeo Giulia continua a mietere successi nel mondo dei motori. La berlina di segmento D della casa automobilistica del Biscione ha infatti conquistato un nuovo riconoscimento. Questa volta il premio arriva dalla Germania, dove i lettori di una celebre rivista motoristica hanno ancora una volta deciso di premiare la vettura con cui il brand di Arese ha deciso di dare il via al suo rilancio. Giulia ha infatti conquistato il premio di Best Car 2018 nella sua categoria grazie ai voti dei lettori della rivista “Auto Motor und Sport”. 

Alfa Romeo Giulia è stata premiata come “Best Car 2018” dai lettori di “Auto Motor und Sport”

Grazie al 22,4 per cento dei voti totali, Alfa Romeo Giulia è riuscita a conquistare l’ambito premio nella sua categoria superando le temibili rivali tedesche che nemmeno nel concorso di casa sono riuscite a superare la vettura italiana. Tra l’altro Alfa Romeo ha ottenuto quest’anno altri buoni risultati come dimostrano il secondo posto di Alfa Romeo Stelvio e Giulietta nelle rispettive categorie. L’Head of EMEA Alfa Romeo Brand, Roberta Zerbi, che ha ritirato il premio si è detta fiera e soddisfatta di quanto realizzato dalla sua azienda.

Anche Abarth 595 si aggiudica i Best Car 2018 nella sua categoria

In particolare il dirigente ha messo in evidenza come ricevere un simile premio proprio in Germania, patria delle dirette rivali di Alfa Romeo Giulia, fa ancora più piacere. Il trionfo di FCA nei Best Car 2018 di “Auto Motor und Sport” è stato completato dalla vittoria nella sua categoria di Abarth 595.

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio: il primo Suv della casa automobilistica del Biscione premiato ai CCT100 Awards di Car Today

Alfa Romeo Giulia
Alfa Romeo Giulia è stata premiata come “Best Car 2018” dai lettori di “Auto Motor und Sport” nella categoria delle berline di segmento D

Leggi anche: Alfa Romeo: l’apertura alla Indycar da parte di Sergio Marchionne preludio ad un addio alla Formula 1?