Alfa Romeo: per il 2018 l’obiettivo è vendere almeno 140 mila unità

Autore:
Davide Bernasconi
  • Giornalista

Secondo i ricercatori di mercato di JATO Dynamics, Alfa Romeo in assenza di novità importanti potrebbe vendere nel mondo un numero di auto tra le 140 e le 150 mila. Si tratterebbe dunque di un leggero incremento rispetto allo scorso anno quando furono vendute 120 mila auto dal Biscione. I numeri sarebbero doppi rispetto al 2016 quando le immatricolazioni del brand di Arese furono di poco superiori alle 70 mila. In ogni caso siamo ben lontani dai numeri ipotizzati nel 2014 da Sergio Marchionne.

Marchionne potrebbe spostare l’obiettivo delle 400 mila immatricolazioni annue di Alfa Romeo al 2022

L’amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles aveva infatti ipotizzato il raggiungimento delle 400 mila immatricolazioni entro la fine del 2018. Questo grazie al lancio di ben 8 modelli. Al momento però come sappiamo le uniche novità della gamma del Biscione sono rappresentate da Alfa Romeo Giulia e Stelvio. Dunque mancano all’appello ben 6 novità, che per vari motivi sono state rinviate al futuro piano industriale di FCA che sarà svelato il prossimo 1 giugno da Sergio Marchionne.

Tante le novità che potrebbero essere svelate

L’amministratore delegato di FCA a questo punto potrebbe spostare l’obiettivo delle 400 mila immatricolazioni annue alla conclusione del futuro piano nel 2022. A quel punto infatti dovrebbero essere numerose le novità nella gamma di Alfa Romeo con in primis l’arrivo di almeno due Suv. Questo senza dimenticare l’erede della Giulietta, una nuova ammiraglia e forse anche un’auto sportiva.

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio: il top di gamma del primo Suv del biscione messo a confronto in un video con Porsche Macan Turbo

Alfa Romeo MiTo Crossover
Alfa Romeo MiTo Crossover potrebbe essere uno dei futuri modelli del Biscione che potrebbero consentire al brand di raggiungere quota 400 mila immatricolazioni annue entro il 2022

Leggi anche: Alfa Romeo Sauber: a pochi giorni dal primo Gran Premio di Formula 1 parla Marcus Ericsson