Il Gruppo Volkswagen ha mantenuto la posizione di primo produttore al mondo per il quinto anno consecutivo, sebbene il gruppo tedesco sia stato nuovamente sorpassato dall’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi nelle vendite di veicoli leggeri. Renault, Nissan  e Mitsubishi hanno venduto insieme 10,76 milioni di autovetture e veicoli commerciali leggeri nel 2018, secondo i calcoli della Reuters dopo i nuovi dati pubblicati mercoledì. Il gruppo non vende camion pesanti.

Nissan ha detto ieri di aver venduto 5,6 milioni di veicoli l’anno scorso, in calo del 2,8 percento . Mitsubishi ha registrato un aumento del 18% delle vendite a 1,22 milioni di unità, mentre la Renault ha venduto 3,88 milioni di unità, in crescita del 3,2% rispetto all’anno. Le consegne di Volkswagen sono aumentate dello 0,9 percento a 10,83 milioni l’anno scorso, compresi i camion pesanti MAN e Scania, ha detto la società tedesca all’inizio di questo mese. Escludendo autocarri pesanti, il gruppo di Wolfsburg ha venduto 10,6 milioni di unità.

Toyota Motor Corp ha mantenuto il suo terzo posto, annunciando che aveva venduto 10,59 milioni di veicoli l’anno scorso, compresi i suoi marchi Toyota e Lexus, insieme alle minicar fatte dalla controllata Daihatsu e ai camion leggeri e pesanti prodotti dalla sua divisione camion Hino Motors Ltd. Escludendo i camion Hino, Toyota ha venduto 10,39 milioni di unità l’anno scorso. La casa automobilistica ha detto che prevede di vendere un totale di 10,76 milioni di veicoli nel 2019.

Molte case automobilistiche stanno cercando di aumentare i volumi di vendita per realizzare economie di scala e ridurre i costi a fronte di investimenti crescenti necessari allo sviluppo di tecnologie di prossima generazione, tra cui auto a guida autonoma e veicoli elettrici. Questo è stato un obiettivo del gruppo Renault-Nissan-Mitsubishi Motors, che sta cercando di condividere più parti di veicoli e consolidare le piattaforme di produzione per tagliare i costi di ricerca e sviluppo e produzione, aumentando al contempo la redditività.

Leggi anche: Dieselgate: azione di gruppo di oltre 300 mila clienti contro Volkswagen in Germania

Leggi anche: Volkswagen smentisce che il suo presidente fosse al corrente del dieselgate 3 mesi prima

CONDIVIDI
Articolo precedenteFormula 1, secondo Button Vettel potrebbe lasciare la Ferrari
Articolo successivoMotoGP, scetticismo nel mondo Yamaha, cosa ancora non va?
Nato a Catania nel 1980, studi classici, laurea in Giurisprudenza nel 2006, blogger del settore auto da oltre dieci anni, grande appassionato di motori, sport e tecnologia. Grande esperto di Alfa Romeo, Fiat, Ferrari e Maserati, ho collaborato in qualità di redattore con vari siti specializzati tra cui GenteMotori e Club Alfa. Dal 2017 scrivo per Investireoggi.it e AutoSpecial.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here