Tesla sarebbe coinvolta in un sabotaggio interno ad opera di un dipendente della casa automobilistica americana. Lo ha detto il numero uno della società, l’amministratore delegato Elon Musk.

Il CEO parla di fatti inspiegabili che fanno pensare che gli eventi accaduti dentro la fabbrica della società americana non siano frutto del caso ma del piano criminale di qualcuno, forse un dipendente deluso a causa di una mancata promozione.

Elon Musk che di recente ha comunicato il licenziamento del 9 per cento dei suoi dipendenti ha promesso di fare indagini interne approfondite per capire chi potrebbe essere il sabotatore e chiarire se questo è stato aiutato da qualcun altro all’interno della sua organizzazione.

Tesla: secondo Elon Musk ci potrebbe essere il sabotaggio di un dipendente

Un incendio nella linea di produzione di Tesla, definito da Elon Musk come “uno strano incidente difficile da spiegare”, avrebbe fatto scattare nella mente del numero uno della società di auto elettriche l’idea che dietro a tutti questi episodi che hanno sollevato molte critiche e polemiche vi possa essere la mano di qualcuno. Del resto Elon Musk non è nuovo a queste ipotesi, già in occasione dell’esplosione in volo del razzo SpaceX aveva ipotizzato il possibile sabotaggio da parte di qualcuno.

Tesla è un’azienda che fa gola a molti gruppi e dunque secondo Elon Musk l’idea che qualcuno possa provare a sabotare dall’interno la sua azienda non sembra un’ipotesi così improbabile. Vedremo dunque queste indagini che saranno effettuate nei prossimi giorni cosa riveleranno.

Leggi anche: Tesla: in fiamme in mezzo al traffico la vettura del marito dell’attrice McCormack

Leggi anche: Tesla: la casa automobilistica americana taglia il 9% dei suoi dipendenti per aumentare la redditività

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here