Interessante intervista al numero uno Sergio Marchionne da parte di Bloomberg al Detroit Auto Show. L’attuale amministratore delegato del gruppo italo americano si è lanciato in alcune interessanti previsioni relative al futuro prossimo del settore auto. Secondo Marchionne entro un decennio il settore verrà totalmente sconvolto dall’avvento delle nuove tecnologie. Queste cambieranno il modo di usare, alimentare e vendere le automobili. Il CEO di FCA si riferisce principalmente all’avvento della guida autonoma che entro un decennio caratterizzerà quasi tutte le nuove auto.

Fiat Chrysler: il CEO Sergio Marchionne si lancia in alcune interessanti profezie sul futuro del settore automotive

Sergio Marchionne si riferisce anche all’elettrificazione. Il dirigente ha affermato che entro il 2025 le auto a combustione vendute nel mondo saranno meno della metà del totale. Infine potrebbe cambiare anche il modo di usufruire delle auto. Questo principalmente a causa dei servizi di car sharing. Tali servizi potrebbero divenire sempre più importanti soprattutto per quello che concerne le grandi città. Insomma il top manager del gruppo italo americano sembra avere le idee chiare sul futuro delle auto.

Chi nel settore non si adeguerà alle novità è destinato a soccombere

Sergio Marchionne lancia anche un monito. Chi nel settore non si adeguerà alle novità è destinato a soccombere. Se da un lato i marchi premium dovrebbero essere interessati solo parzialmente da questa rivoluzione mantenendo il loro peso nel settore, tutte le altre case automobilistiche dovranno darsi da fare per non morire.

Leggi anche: Fiat Panda e Punto sono rispettivamente l’auto più venduta e l’auto più rottamata in Italia nel 2017

Fiat Chrysler Sergio Marchionne
Fiat Chrysler: il CEO Sergio Marchionne si lancia in alcune interessanti profezie sul futuro del settore automotive, secondo il numero uno di FCA entro un decennio le nuove tecnologie prenderanno il sopravvento

Leggi anche: Fiat Chrysler: a Termoli confermati per altri 3 mesi 500 lavoratori interinali

CONDIVIDI
Articolo precedenteDucati Pramac e Bagnaia affare fatto, ci sarà effetto domino?
Articolo successivoToyota Auris: la nuova generazione immortalata sulla neve
Nato a Catania nel 1980, studi classici, laurea in Giurisprudenza nel 2006, blogger del settore auto da oltre dieci anni, grande appassionato di motori, sport e tecnologia. Grande esperto di Alfa Romeo, Fiat, Ferrari e Maserati, ho collaborato in qualità di redattore con vari siti specializzati tra cui GenteMotori e Club Alfa. Dal 2017 scrivo per Investireoggi.it e AutoSpecial.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here