Porsche ha già ricevuto circa diecimila ordini per Taycan, il suo primo modello completamente elettrico. Il modello sarà affiancato da un SUV elettrico nel 2022. Secondo Lutz Meschke, co-responsabile per la finanza e l’informatica della casa tedesca, il marchio vuole costruire tra 20 mila e 25 mila unità del Taycan ogni anno. La seconda auto elettrica del marchio sarà un crossover basato su Taycan. Prima del 2022 Porsche porterà sul mercato anche un nuovo SUV completamente elettrico. Il produttore inizierà nel 2020 con le prime consegne del Taycan. In termini di prezzo, il modello elettrico si collocherà tra la Panamera e Cayenne.

Porsche Taycan è solo il primo di una lunga serie di modelli elettrificati che la casa automobilistica tedesca lancerà nei prossimi anni

Il Taycan è il primo modello di auto elettrica prodotta in serie a disporre di un sistema da 800 volt, che consente di aumentare la velocità di ricarica fino a un massimo di 350 kW. Presso le stazioni di ricarica della stessa Porsche, l’auto può essere caricata fino all’80% in quindici minuti. Il veicolo dispone di un motore da 600 CV e ha un’autonomia di circa 500 chilometri. L’auto accelera da zero a 100 chilometri all’ora in circa 3,5 secondi. Proprio come Audi, BMW, Daimler e Ford, il marchio è affiliato alla joint venture IONITY. Questa azienda vuole avere quattrocento stazioni di ricarica in Europa in due anni. Queste attualmente sono 14 con altre 23 stazioni in costruzione. In futuro la casa tedesca punta ad elettrificare almeno metà della gamma entro il 2025. Per questo verranno investiti oltre 6 miliardi di euro. 

Leggi anche: Lotus: Geely vuole investire 2 miliardi di dollari per portare il brand ai livelli di Porsche e Ferrari

Porsche Taycan
Porsche Taycan è solo il primo di una lunga serie di modelli elettrificati che la casa automobilistica tedesca lancerà nei prossimi anni

Leggi anche: Porsche 919 Hybrid Evo dopo 35 anni migliora il giro record al Nurburgring

CONDIVIDI
Articolo precedenteFormula 1, Hamilton tira le somme di una stagione entusiasmante
Articolo successivoFCA: Pratola Serra si riconverte all’ibrido?
Nato a Catania nel 1980, studi classici, laurea in Giurisprudenza nel 2006, blogger del settore auto da oltre dieci anni, grande appassionato di motori, sport e tecnologia. Grande esperto di Alfa Romeo, Fiat, Ferrari e Maserati, ho collaborato in qualità di redattore con vari siti specializzati tra cui GenteMotori e Club Alfa. Dal 2017 scrivo per Investireoggi.it e AutoSpecial.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here