Questo mondiale di MotoGP sta lentamente svolgendo al termine e consegnando lo scettro di più grande a Marc Marquez. Intanto, l’ultima tappa ha visto l’uscita forse definitiva di scena di Lorenzo, che cade e si fa anche male. In tutto questo, quale sarà il futuro di Rossi?

MotoGP, la malinconia di Rossi

In forte dubbio Lorenzo per il GP della Thailandia che avrà luogo il 7 ottobre. Lo spagnolo intanto fa sapere che ha ricevuto la telefonata di Marquez, suo prossimo compagno di squadra in Honda, e afferma che gli ha fatto molto piacere. In tutto questo però non possiamo non notare la malinconia di Valentino Rossi, orma relegato a ruolo di comprimario, anzi peggio, di pilota qualunque, con un terzo posto che sembra a questo punto quasi un premio esagerato, vista l’ennesima prova magra di Aragona, solo ottavo posto.

Potrebbe interessarti anche: MotoGP, Marquez archivia il mondiale, Dovizioso stavolta si arrende

Gli esperti parlano di crisi definitivi, del resto ad Aragona si sono visti ancora una volta gravissime pecche da parte del reparto elettronico della M1, ormai una moto che non sembra più in grado di competere con le altre. La crisi è probabilmente senza precedenti, e merita una revisione totale in quel di Iwata, rinascita che però sarà estremamente difficile. Da parte sua, ancora una volta Rossi ha fatto quel che doveva, trovando le motivazioni che solo lui riesce a trovare, nonostante l’umiliazione della Q1 mancata, onte vere e proprie che il pesarese non merita.

I due anni di contratto di Valentino con Yamaha bloccano il pesarese alla chiusura di carriera incolore. L’unica speranza quindi è che in Giappone stiano già lavorando in gran segreto ad una nuova grande moto che possa dare a the doctor il finale di carriera che merita, visto che la classe del pesarese è rimasta inalterata, a dispetto di tanti piloti che dopo una grande carriera hanno invece concluso con evidenti segni di cedimento.

Una carriera gloriosa in MotoGP con un finale amarissimo

Potrebbe interessarti anche: MotoGP, l’amaro addio di Rossi, ancora due anni senza vittorie?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here