A differenza dei suoi concorrenti diretti Mercedes e BMW, Audi ha venduto meno auto in tutto il mondo rispetto all’anno precedente. Le vendite sono diminuite del 3,5 per cento a 1.812 milioni di veicoli a causa del crollo della domanda in Europa, come annunciato dalla società tedesca giovedì. In particolare segnaliamo che le consegne a dicembre, non solo in Europa ma anche negli Stati Uniti e in Cina, sono state ben al di sotto del livello dell’anno precedente. Il CEO Bram Schot ha dichiarato a Ingolstadt che l’anno è stato “molto impegnativo” con molti cambiamenti di modello e la conversione al nuovo standard di test di scarico WLTP.

L’azienda sta ancora lavorando duramente per ottenere i suoi motori e trasmissioni certificati secondo il nuovo standard di prova. A novembre, Schot era ancora ottimista sul fatto che la gamma di modelli sarebbe stata completata entro la fine dell’anno e che le vendite avrebbero raggiunto il livello dell’anno precedente per l’intero anno. In effetti, le vendite di 744.000 automobili in Europa non sono state solo del 13,6% inferiori rispetto all’anno precedente, ma anche inferiori a tutti i dati di vendita dal 2013. Le vendite negli Stati Uniti sono diminuite dell’1,4% a 223.000 automobili. In Cina invece le immatricolazioni del produttore tedesco sono aumentate del 10,9 per cento a 663.000 automobili rispetto all’anno precedente. Ciò rende Audi il marchio premium più forte nella Repubblica popolare per il 30 ° anno consecutivo.

Leggi anche: Audi Q3 di nuova generazione ottiene 5 stelle nei crash test di Euro NCAP

Audi: vendite in calo a livello globale nel 2018 si salva solo la Cina in cui la casa di Ingolstadt si conferma primo marchio premium

Leggi anche: Alfa Romeo: ecco le vendite di Giulia e Stelvio in USA rispetto a quelle di Audi, Bmw e Mercedes

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here