Non si è ancora arreso Vettel, e fa bene. Il mondiale di Formula 1 non è ancora archiviato, i 50 punti di vantaggio di Hamilton non sono poco, ma in Giappone si deve provare a fare il massimo per tenere ancora aperta una scintilla.

Formula 1, Vettel ci crede ancora

Tutto può ancora succedere ha detto Vettel ai microfoni dei mass media, il tedesco è obbligato a crederci, anche se indubbiamente ora si fa davvero durissima. C’è chi sostiene che l’ex campione di Red Bull si esalti proprio nei momenti di maggiore difficoltà, come quando deve rincorrere per lunghi svantaggi. Chi invece crede che sia proprio lui il punto debole, almeno quest’anno, per la mancata vittoria, l’ennesima, da parte di Ferrari.

Potrebbe interessarti anche: Formula 1, il secondo sensore sulle batterie potrebbe aver rallentato la Ferrari

Sarà difficile che ci dica come stanno le cose in merito Arrivabene, visto il suo futuro incerto. Gli appassionati di Formula 1, e i tifosi della Rossa di Maranello in primis, ora si interrogano sulle scelte del team principal, o almeno è quel che facevano fino a qualche giorno fa, prima della sua comunicazione in merito alla scelta presa. Arrivabene spazza via ogni dubbio e afferma di restare al 100% in Ferrari. Gli stimoli quindi rimangono altissimi, la voglia di vincere inalterata.

Intanto, A Suzuka il principale e storico sponsor della Ferrari ha lanciato una campagna dal nome apparentemente impegnativo: “Mission Winnow”, che tradotto significa vincere ora. In verità però, i dirigenti della multinazionale americana, che per l’occasione si sono trasformati in esperti filologi manco fossero Tolkien in persona, hanno spiegato che si tratta di un gioco di parole che rimanda all’inglese antico: win-oh, che significa separare il bene dal male, o il cattivo dal buono.

Nuova tappa di Formula 1 in Giappone, Vettel ci crede ancora

Potrebbe interessarti anche: Formula 1, ‘Hamilton è il più forte, solo Verstappen al suo livello’

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here