In tanti si domandano se davvero FCA garantirà la piena occupazione dei suoi stabilimenti italiani entro il 2021 così come promesso dal numero uno del gruppo italo americano l’amministratore delegato, Mike Manley e il responsabile dell’area Emea, Pietro Gorlier lo scorso 29 novembre. In teoria i nuovi modelli annunciati dovrebbero effettivamente garantire la piena occupazione delle fabbriche. Molto dipenderà anche da come questi modelli saranno accolti sul mercato.

Fca: in tanti si domandano se davvero con i nuovi modelli la piena occupazione degli stabilimenti italiani sarà garantita

FCA ha promesso il lancio tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 della Fiat 500 elettrica a Mirafiori. Questo modello assieme al suv Maserati Levante dovrebbe riuscire a tenere impegnati dal 2021 tutti i dipendenti presenti nello stabilimento. Lo stesso dovrebbe accadere anche a Cassino dove alle già presenti Alfa Romeo Giulia, Giulietta e Stelvio dal 2020 si affiancherà anche un nuovo suv compatto di Maserati. Tutti questi modelli tranne forse Giulietta saranno realizzati anche in versione ibrida.

A Pomigliano FCA dovrebbe affiancare la confermata Fiat Panda con un nuovo suv compatto di Alfa Romeo. Anche questo modello dovrebbe arrivare tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021. Anche in questo caso ovviamente la speranza è che il nuovo modello, che sarà prodotto come Panda sia in versione normale che ibrida, possa saturare la capacità produttiva della fabbrica campana di Fiat Chrysler. A Melfi infine c’è grande ottimismo con l’arrivo della nuova Jeep Compass, una delle auto che stanno vendendo di più in Europa e che affiancherà Jeep Renegade e Fiat 500X. 

Leggi anche: Fiat 500X è l’unico modello del brand di Torino le cui vendite aumentano nel 2018

Fiat Chrysler Pomigliano
Fiat Chrysler: in tanti si domandano se davvero con i nuovi modelli la piena occupazione degli stabilimenti italiani sarà garantita

Leggi anche: Fiat Fastback: il concept suv ha riscosso grande successo e si spera nella sua produzione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here