Dopo quasi un decennio di sviluppo e rinnovamento del proprio team di leadership dall’interno, Fiat Chrysler Automobiles ha ingaggiato una coppia di outsider, tra cui un dirigente Amazon di alto rango, per i ruoli principali nella sua regione più redditizia, il Nord America. Il CEO di FCA, Mike Manley, ha nominato Mark Stewart, come nuovo direttore generale della regione, un incarico svolto all’inizio dell’anno dal CEO Sergio Marchionne prima della sua morte a luglio e poi da Manley. Stewart, 51 anni, ha trascorso poco più di un anno in Amazon, dove è stato vicepresidente delle operazioni, gestendo l’assistenza dei clienti in 200 strutture con 180.000 dipendenti, ha detto Manley in un’email inviata ai suoi dipendenti giovedì.

Fca ha nominato un nuovo Chief Operating Officer per il Nord America, si tratta dell’ex Amazon Mark Stewart

Ingegnere elettrico di base, Stewart è stato COO per il fornitore di componenti di automobili ZF TRW dopo essere cresciuto tra i ranghi esecutivi di TRW. FCA ha detto che anche Stewart diventerà un membro del consiglio esecutivo del gruppo automobilistico, il suo organo decisionale. Manley ha anche nominato Niel Golightly responsabile delle comunicazioni globali dell’azienda. Golightly, 60 anni, è stato vice presidente delle relazioni esterne per le Americhe per Shell Oil Co.

In precedenza aveva ricoperto altri ruoli di comunicazione per Royal Dutch Shell e Ford Motor Co., dove era vice presidente degli affari pubblici per Ford Europa. FCA ha detto che anche Golightly si unirà al Consiglio esecutivo del gruppo. Golightly sostituisce Mike Keegan, che diventerà il responsabile della revisione, sostenibilità e compliance di FCA, in sostituzione di Alessandro Baldi, che andrà in pensione nel primo trimestre del 2019.

Leggi anche: Fiat Fastback: il concept suv ha riscosso grande successo e si spera nella sua produzione

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler ha nominato un nuovo Chief Operating Officer per il Nord America, si tratta dell’ex Amazon Mark Stewart

Leggi anche: Fiat Chrysler: ecco le motivazioni che hanno spinto il gruppo alla cessione di Magneti Marelli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here